Natura plurale e teoria sociale

In occasione dell’uscita di Axel Honneth e Hans Joas, Agire sociale e natura umana, traduzione italiana a cura di Sofia Alexandratos, nella collana della Fondazione per la critica sociale (edita da Rosenberg & Sellier), abbiamo organizzato una serie di seminari dal titolo Natura plurale e teoria sociale, che si terranno a cadenza mensile online, su google meet, dalle 16:30 alle 18:30.
Sono passati più di quarant’anni dalla pubblicazione originaria di Agire sociale e natura umana, un’opera d’avanguardia di antropologia filosofica che indaga l’essere umano alla luce di una natura plurale e processuale, allo scopo di operare una critica dei contesti sociali. La serie seminariale vuole essere un’occasione per discutere degli sviluppi contemporanei dei paradigmi di natura e natura umana, alla luce della crescente interdisciplinarità, transdisciplinarità e intersezionalità della filosofia contemporanea e del bisogno di aprire nuove prospettive di critica sociale. Senza limitare la discussione agli/alle autori/autrici e ai temi dell’antropologia filosofica, guardando anche ai contributi del naturalismo critico, della sociologia, dell’antropologia e della psicologia, la serie seminariale intende mettere a confronto approcci, teorie e autori/autrici diversificati.

26 maggio 2023: Matteo Santarelli (Unibo) – Un’antropologia degli interessi e dei valori? Alcune ipotesi preliminari

21 giugno 2023: reading group – Eduardo Kohn, “Come pensano le foreste”

14 luglio 2023: reading group – Anna Tsing, “Il fungo alla fine del mondo”

Settembre 2023: Massimo De Carolis (Unisa) – Natura umana, vitalità e istituzioni

Ottobre 2023: Roberta Dreon (Unive) – Sensibilità, abiti ed esperienza parlata: aspetti di un’antropologia pragmatista

Novembre 2023: Paolo Costa (Fondazione Bruno Kessler) – Ha senso studiare la natura umana? Un bilancio di trent’anni di studio

Dicembre 2023: Roberto Brigati (Unibo) – Disincanto, mana, agency delle cose

Gennaio 2024: Rino Genovese (Fondazione per la critica sociale) – Cosa c’è che non va nell’antropologia filosofica?

Febbraio 2024: Andrea Borsari (Unibo) – Natura e natura umana tra antropologia filosofica e filosofia sociale

Aprile 2024: Giorgio Fazio (Uniroma1) – Teoria critica e antropologia filosofica in Axel Honneth. Un confronto interrotto?

Giugno 2024: Roberto Finelli (Uniroma3) – Limiti di un’antropologia inter-soggettivistica

Per info, link e testi: francescasofia.alexandratos@studenti.unipr.it

C’è ancora spazio, oggi, per un “discorso pubblico” sul socialismo?

di Antonio Floridia

[Intervento al seminario online sul socialismo, a cura del Crs Toscana e della Fondazione per la critica sociale, tenuto il 21 marzo 2022].

Una risposta alla domanda posta nel titolo di questo testo, presuppone due passaggi preliminari: in primo luogo, che senso ha, oggi, in generale, una riflessione sull’“attualità del socialismo”? E, in secondo luogo, c’è una specificità italiana, qualche elemento che permetta di articolare e sviluppare questa riflessione rispetto alla realtà del nostro paese? Alla prima domanda – anticipo subito le mie conclusioni – rispondo decisamente di sì: non solo è possibile, ma è necessaria, nel mondo di oggi, una ripresa dell’idea stessa di socialismo; ma, nello stesso tempo, ritengo che questa ripresa debba e possa essere caratterizzata da alcuni cruciali elementi di innovazione, se non vuole apparire una mera operazione di recupero del passato, e di fatto rivelarsi inefficace. Alla seconda questione, la specificità italiana, si può rispondere ponendo al centro dell’attenzione una ricerca sulle ragioni profonde della peculiare involuzione – fino a ciò che sembra oggi una sostanziale eclissi – della tradizione socialista e comunista del nostro paese, che pure nel corso del Novecento è stata una delle più significative nel panorama europeo e internazionale. Continua a leggere “C’è ancora spazio, oggi, per un “discorso pubblico” sul socialismo?”

Contro Agamben e Cacciari a proposito di “green pass”

di Roberto Finelli e Tania Toffanin

Abbiamo pensato di scrivere insieme qualche riflessione su quanto Giorgio Agamben e Massimo Cacciari hanno pubblicato il 26 luglio scorso sul sito dell’Istituto italiano per gli studi filosofici (A proposito del decreto sul “green pass”). Ci sembra infatti utile fare chiarezza sullo spirito del tempo, di cui gli autori citati appaiono essere solo l’epifenomeno più vistoso e culturalmente accreditato. Vogliamo provare brevemente a comprendere cosa ci sia dietro una tale rivendicazione di libertà individuale, sottratta a ogni condizionamento e mediazione con la libertà collettiva, in questa richiesta verosimilmente dimentica della definizione data, ormai molto tempo fa, da Franco Fortini, secondo cui “la mia libertà inizia, non dove finisce, ma dove inizia la libertà dell’altro”.

Il dibattito che l’obbligatorietà della certificazione verde ha aperto si situa, peraltro, all’interno di uno scenario internazionale che impone alcune ulteriori riflessioni. Pensiamo che tale dibattito sia fondamentalmente centrato sui diritti individuali, all’interno di un contesto nel quale le libertà individuali sono pienamente garantite. Per contro, quanto sta succedendo in Afghanistan impone di riflettere, a partire proprio dalle libertà individuali, in termini non più strettamente eurocentrici. Sforzo questo che pensiamo sia necessario per uscire dal provincialismo del dibattito italiano ed europeo in tema di diritti fondamentali e libertà personali. Continua a leggere “Contro Agamben e Cacciari a proposito di “green pass””

Sentenze sul disastro

di Antonio Tricomi

Vale forse la pena partire dal fondo. È infatti nell’ultimo saggio incluso in Contro l’impegno. Riflessioni sul Bene in letteratura (Milano, Rizzoli, 2021) che Siti elenca “le caratteristiche”, per lui irrinunciabili, di un testo in grado di “sostenere cause etiche e/o politiche senza avvilire le potenzialità conoscitive della letteratura” (p. 254).

Intanto, si tratterebbe, per quel libro e per il suo autore, di conservare un’“assoluta onestà intellettuale ed emotiva”, dimostrando, sia l’uno sia l’altro, la propria “naturale incapacità di aderire agli stereotipi”. In secondo luogo, un’opera simile sarebbe chiamata a non tacere “il discorso dell’avversario”, stratificandosi “come una struttura dialettica perennemente aperta al dubbio”. Infine, gli scrittori che ambissero, come certi loro modelli, a battere la strada dell’engagement, dovrebbero regolarsi al pari dei maestri e “ammettere una subordinazione e una passività dell’impegno rispetto al farsi concavi per accogliere una Parola che non conosciamo ancora e non ci appartiene” (pp. 255, 257, 259).

Continua a leggere “Sentenze sul disastro”