Seminario di filosofia politica e sociale

SEMINARIO DI FILOSOFIA POLITICA E SOCIALE
La società degli individui – Quadrimestrale di Filosofia e teoria sociale
PhD School in Philologico-Literary, Historico-Philosophical and Artistic Sciences

FORMS OF LIFE AND CAPITALISM

A One Day Workshop with Rahel Jaeggi

20th February, 2017, University of Parma, 10: 30 a.m. – 18:00 p.m.

Dipartimento DUSIC Unità di Filosofia

Aula di Presidenza – Via D’Azeglio 85

Speakers:

Rahel Jaeggi (Humboldt – Berlin)

Matteo Bianchin (Milano Bicocca); Paolo Costa (FBK Trento);

Giorgio Fazio (Roma/Berlino); Federica Gregoratto (St. Gallen);

Leonardo Marchettoni (Parma); Alessandro Pinzani (UFSC – Florianopolis)

Marco Solinas (Firenze); Italo Testa (Parma)

Scarica la locandina in pdf

Continua a leggere “Seminario di filosofia politica e sociale”

Critica della cultura e critica sociale

critica socialedi Rino Genovese

Il novantanove per cento di quello che facciamo, o tentiamo di fare, è critica della cultura; l’uno per cento tutt’al più, se ci riusciamo, è critica sociale. Un’affermazione così netta richiede un certo numero di chiarimenti e di definizioni: che cos’è la critica della cultura? che cos’è la critica sociale? in che rapporto stanno tra loro? in che senso si può dire che quando si profila l’una non ci sia più l’altra? e così via…

Inizio allora con un breve elenco degli usi possibili del termine “cultura” come compare nell’espressione “critica della cultura”. Dentro di essa ricadono:

  1. la cosiddetta alta cultura associata alla nozione di umanesimo (cioè più spesso umanistica che tecnico-scientifica, secondo la vecchia e sommaria distinzione tra le “due culture”), la quale fino a un certo punto nel Novecento è stata fatta coincidere con la civiltà in generale, ma che in realtà, all’interno della modernità artistica e letteraria con le sue varie sperimentazioni, aveva già conosciuto la tendenza a una perdita di confini nei confronti della cultura di derivazione popolare o proveniente dalla produzione in serie (la cultura cosiddetta bassa);

  2. i prodotti culturali correnti, che possono essere opere vere e proprie o elementi immessi nel mercato con un effetto d’intrattenimento, al fine di ottenerne un utile economico, da parte delle agenzie dell’estetizzazione diffusa (televisioni, case cinematografiche, case di moda, gallerie d’arte, musei, etc.): nei confronti sia delle prime sia dei secondi si esercita un’analisi critica intesa come controllo riflessivo sul mi piace / non mi piace, schema binario tipico della comunicazione intorno ai giudizi di gusto elementari;

  3. le culture al plurale, in un senso antropologico, nella loro varietà e diversità: facendone la critica, quando è il caso, si è sempre alle prese con il pericolo di una sorta di imperialismo culturale involontario se non si tiene sotto controllo autocritico la tradizione culturale a partire dalla quale si interviene, per noi quella occidentale moderna.

Continua a leggere “Critica della cultura e critica sociale”